Accoglienza rifugiati in Ticino

Un progetto della regione di Banca Raiffeisen del Vedeggio

CHF 2'680 26% finanziato
Progetto terminato
Progetto non riuscito
14 sostenitori

Il nostro progetto

Una buona accoglienza è prevenzione
Per chi è fuggito da casa, ha lasciato dietro di sè una famiglia, amici, genitori, ha dovuto attraversare il deserto, il mare, ha dovuto vedere la parte più brutta dell'umanità... Arrivare in Ticino e qualcuno ti fa visita, con un cambio di vestiti puliti, sciampi, piccoli oggetti di prima neccesità,..ristituisce l'umanità persa e ridà un po dignità!

Periodo di finanziamento 12.07.2017 08:29 ore - 05.11.2017 00:00 ore
Periodo di realizzazione subito
Soglia di finanziamento CHF 10'000
Obiettivo di finanziamento CHF 20'000

Di Cosa tratta questo progetto?

Da oltre due anni, i volontari dell'associazione DaRe fanno visita ai richiedenti l'asilo, nelle varie pensioni e protezioni civili dove sono alloggiati in attesa della decisione del loro riconoscimento come rifugiati o allontanamento.
Sono donne, famiglie giovani uomini che hanno viaggiato perso tutto. Hanno bisogno di capire dove sono, iniziare ad imparare la nostra lingua ma solo i volontari si occupano di questa prima fase dell'accoglienza.

Quali sono gli scopi e il gruppo-target?

Il lavoro di coordinamento dei volontari e volontarie che raccolgono smistano dividono i vestiti portano nei centri, fanno i corsi d'italiano, occupano di tanti piccoli e grandi bisogni, ha bisogno di un aiuto finanziario. Il coordinatore deve esser sostenuto finanziariamente per effettuare al meglio il suo compito.
Ci occupiamo di richiedenti l'asilo di rifugiati stranieri e di persone in difficoltà

Perché qualcuno dovrebbe sostenere il tuo progetto?

Il sud è arrivato alle nostre porte!
Non solo l'aiuto allo siluppo e sostenere progetti in paese lontani è utile e importante. Ora sono quì ed è nostro dovere accoglierli nel miglior dei modi per il breve o lungo tempo che staranno con noi.

Che cosa accade con i soldi se il progetto va a buon fine?

Veranno usati per pagare il coordinatore e tutte le necessarie spese come sciampi, scarpe, mutande,...

Chi c'è dietro il progetto?

Lara Robbiani Tognina presidente associazione DaRe 8 membri comitato e 50 volontari e volontarie

Martina Malacrida, Mattia Passardi, Carlo Zoppi, Nathalie Rossi, Marlène Bucher, Hèlene Gajac, Roberta Moriani