Login
Registrazione

«Un pump track è un grande parco giochi»

03.01.2018
da Lokalhelden Admin

Il club sciistico e sportivo di Walkringen ha raccolto denaro per un percorso bike ondulato. Con successo. La struttura è già pronta. Il membro del Consiglio direttivo Rafael Meier afferma che questo risultato è stato possibile solo grazie all'encomiabile sostegno del paese.

Rafael, sei già stato sul nuovo pump track?

Sì, non mi sono distinto particolarmente, ma è stato fantastico. È un piccolo pump track, abbastanza faticoso e impegnativo, ma molto piacevole.

Cosa c'è di particolare in un percorso bike di questo tipo?

In linea di principio si tratta di un circuito con cunette e curve. Talvolta vi sono anche degli incroci, in modo che non si debba andare sempre in cerchio. L'obiettivo consiste nell'evitare di pedalare o di frenare e nel regolare la velocità unicamente usando braccia e gambe e sfruttare la velocità nelle curve. Il nostro pump track asfaltato non è accessibile solo alle mountain bike, ma anche a kickboard, monopattini e skateboard.

Qual è il beneficio di un pump track per una comunità?

Mi è stata posta spesso questa domanda, alla quale io rispondo sempre con una controdomanda: qual è il beneficio di un parco giochi per una comunità? Perché in realtà il pump track non è altro che un parco giochi un po' più grande. Per noi è importante che i giovani e i bambini facciano attività fisica – preferibilmente da noi, in paese. Possono così migliorare equilibrio, coordinazione e abilità.

La struttura tuttavia non è riservata unicamente a giovani e bambini.

Anche gli adulti possono servirsene – e lo fanno. Di sera arrivano per esempio gruppi di ciclisti di passaggio, che si fanno qualche giretto nel pump track.

La tua associazione ha raccolto il denaro per la struttura in men che non si dica. Contavai su un successo così veloce?

No, ma ci avevamo sperato, poiché avevamo tempistiche ambiziose.

Tant'è che la struttura è già stata aperta. Quanto sono durati i lavori di costruzione?
Sei giorni, l'inaugurazione si è svolta giovedì santo. Noi, ovvero alcuni soci della nostra associazione, abbiamo svolto autonomamente una parte considerevole dei lavori preliminari. Il pump track è stato costruito da un'azienda specializzata in strutture di questo tipo. Si poteva usare già due ore dopo l'asfaltatura.

Gli impianti di questo tipo sono spesso esposti a critiche a causa del rumore e dei rifiuti prodotti. È successo anche a te?

Noi abbiamo ricevuto un grande supporto da ogni parte. Non ci sono state obiezioni contro il progetto, ma va detto che il progetto è stato pianificato molto accuratamente. È stato un processo di tre anni, che ha comportato colloqui con autorità e abitanti, uno stand informativo presso la nostra esposizione commerciale e un fundraising attivo.

Cosa avrei fatto se i fondi non fossero arrivati?

Probabilmente avremmo rinunciato al progetto. A malincuore, ovviamente. Ma per fortuna le cose non sono andate così.

Per quale motivo proprio un club sciistico si è interessato a un percorso bike?

Non siamo più un classico club sciistico. «Sciistico» deriva da prima, quando ci occupavamo solo di sci. Oggi siamo un'associazione polisportiva con circa 180 soci. Le nostre attività sono molto variegate e si basano sulle esigenze dei soci. Negli ultimi anni è aumentata molto la percentuale di persone che praticano ciclismo e mountain bike. Oggi abbiamo bisogno di olio per catene molto più che di cera per sci.

Verso il progetto

Qual è la tua opinione?

Devi essere registrato per scrivere un commento.

1

Blog